Qualsiasi aiuto tu voglia dare a tuo figlio a scuola, non perdere altre 24 ore, clicca qui.

06 dic 2014

Lo sapevi che il Piano Didattico Personalizzato (PDP) NON è obbligatorio per tutti i BES?


Il Piano Didattico Personalizzato citato nella normativa è previsto dal DM n°5669 12/7/2011 per i DSA. Dunque è obbligatorio quando abbiamo una diagnosi di Disturbo Specifico di Apprendimento, dunque con tutti codici che iniziano con F 81 dell’ ICD-10. Scopriamo di più.

La nuova normativa sui Bisogni Educativi Speciali (BES) estende la possibilità (e non l’obbligo) alla scuola di compilare un PDP anche quando abbiamo una diagnosi di Disturbo Evolutivo (diverso dai DSA) come ADHD, Disturbo del Linguaggio, Disturbo Coordinazione Motoria o visuo-spaziale. Oppure quando abbiamo delle difficoltà di apprendimento, svantaggio socio-culturale o alunni stranieri.

Leggiamo questo con le parole della normativa per chiarire come il PDP per tutti i casi (diversi dai DSA) non sia obbligatorio ma a scelta della scuola:

“Si ribadisce che, anche in presenza di richieste dei genitori accompagnate da diagnosi che però non hanno diritto alla certificazione di Disabilità o di DSA, il Consiglio di classe è autonomo nel decidere se formulare o non formulare un Piano Didattico Personalizzato, avendo cura di verbalizzare le motivazioni della decisione”
(Piano Didattico Personalizzato, pag. 2 Nota Ministeriale MIUR del 22/11/2013, n°2363)

Nei casi con Disabilità certificata ai sensi della Leg.104/92 a scuola compiliamo il PEI.

Il concetto é quello che a prescindere dal PDP i ragazzini vanno aiutarti.
Insomma non facciamo PDP perché obbligatorio per legge ma affinché siano idonei per apprendere.


Purtroppo si sta osservando un proliferare di PDP come soluzione. Dimenticando che ciò che serve di più sono gli aiuti concreti.


Lascia pure un commento per avere un chiarimento ulteriore.

Tratto da: Bisogni Educativi Speciali: le 10 precisazioni